TESTIMONIANZE

Home  /   Cosa facciamo   /  Testimonianze
"Ricordo solo un gran botto e poi il risveglio nel dolore all’ospedale, senza una gamba". Toussaint Raymond Coly, 27 anni, di Ziguinchor, Senegal
"Mi hanno cresciuto cresciuto insegnandomi che non ho niente di diverso dagli altri bambini, un difetto alle gambe e alle mani non mi rendevano inferiore a nessuno". Mamadu Baldé, 19 anni, di Bissau, Guinea-Bissau
"Adesso giocare a pallavolo sarà più semplice". Fulgence Hagenimana, 32 anni, di Nyanza, Ruanda
"La mia nuova gamba SwissLimbs è molto più leggera, comoda e resistente di quella precedente". David Kumwenda, 49 anni di Rumphi, Malawi
"Ora potrò fare molte più cose per la mia famiglia". Eliza Kwemani, 47 anni di Mzimba, Malawi
"Guidavo la moto, un incidente mi ha portato via la gamba". Albano Fernandes, 38 anni di Maputo, Mozambico
"Un mio collega ha attivato per sbaglio una granata: l'esplosione mi ha dilaniato il braccio". Paulo Piter, 30 anni, di Maputo, Mozambico
"Sono arrivato all'ospedale con una ferita all'avanbraccio, ma una volta risvegliato, il mio braccio era stato amputato sino alla spalla". James Ndori Kagabo, 38 anni, di Kigali, Ruanda
"Ho perso l'uso delle gambe da piccola a causa della poliomielite. Poi, nel 2005, un incidente mi ha portato via una mano". Sharon Tumusiime, 47 anni, di Nyanza, Ruanda
"Ero di pattuglia nel bosco, quando il mondo si è capovolto. Avevo posato il piede su una mina anti-uomo", Patrick Kagaba, 53 anni, di Nyanza, Ruanda
"Per colpa della malaria, sono caduta in coma. Quando mi sono risvegliata, entrambe le mie gambe erano in cancrena", Grace Uwiduhaye, 18 anni, di Nyanza, Ruanda
"I ribelli hanno prima ucciso tutti gli adulti, poi hanno raggruppato noi bambini e ci hanno mozzato le mani con il machete", Adama Sumanh, 30 anni, di Kambia District, Sierra Leone
"So cosa significa vivere senza un arto: per questo voglio imparare a fare le migliori gambe possibili", Mohamed Marras, 34 anni, di Freetown, Sierra Leone
"Ho gridato per ore in cerca d'aiuto, poi sono svenuto. Una volta ripresa coscienza, ero in ospedale e la mia gamba destra era stata amputata". Ebenezer John, 33 anni, di Kenema, Sierra Leone
"Questa gamba è più leggera e più comoda", Sakina Majeshi, 21 anni, di Mwanza, Tanzania
"Il diabete mi ha fatto perdere entrambe le gambe", Elifazi Savunyu, 71 anni, di Mwanza, Tanzania
"Una carrozina le ha cambiato la vita", Esther Woro, sud sudanese di 13 anni, residente del campo Bidibidi in Uganda
"Siamo stati svegliati dagli spari", Mary-Juan, una donna sud-sudanese di 32 anni, residente nel campo rifugiati di Imvepi in Uganda
"L'autista mi ha lasciato sulla strada", Latifa, madre di 24 anni e donna d'affari di Dodoma, in Tanzania
"Ero cosciente e in totale agonia", Frederik, 22 anni di Dodoma, in Tanzania
"Sei persone sono morte nell'incidente, sono sopravvissuto ma ho perso la mano destra", Chesco, 43 anni, di Dodoma, in Tanzania
"L'auto mi ha investito e mi ha schiacciato una gamba", Denis, padre di 20 anni, in Tanzania
"Le inferriate hanno trafitto l'autobus e mi hanno tranciato la gamba", Asha, insegnante di 30 anni, in Tanzania
“Ho visto che la mia mano era incastrata nella porta del pulmino”, Ali Juma, 30 anni, Tanzania
“Stavo camminando lungo la strada e improvvisamente ho sentito qualcosa sotto i piedi; era una mina…” Basel, 25 anni, siriano
“Sono stato rapito dalla LRA* quando avevo 12 anni: sono stato liberato quando l’esercito governativo ha bombardato il nostro campo, ma nelle deflagrazioni ho perso una gamba.” Sunday, 32 anni, di Te-Aceng, Uganda
"Ora posso lavorare e aiutare mia moglie a mantenere la famiglia", Alterno, 55 anni, di Kiryandongo in Uganda
“Ero ancora cosciente quando mi trovavo sotto l’autobus. Potevo vedere l'osso della tibia che usciva fuori con molto sangue, carne e muscoli che lo circondavano” Baraka, 35 anni di Mbeya, Tanzania
“I missili piovevano dal cielo: non c’era tempo per scappare e rifugiarsi; il macello era inevitabile”, Mohammad, 58 anni di Raqqa, in Siria
“Stavo giocando a calcio quando improvvisamente un boato di un mortaio sconvolto la partita… ”, Ibrahim, 27 anni di Dara’a, Siria
“Il giorno che ho perso la gamba è il giorno che mio marito mi ha lasciato”, Lilly, vedova con quattro figli, Uganda
“Ho guardato giù e ho visto che mi mancava una gamba e subito ho sentito un fortissimo dolore. Ho pianto.”, John, 30 anni, Uganda.